Differenze tra le versioni di "conformatio"

m
#* ''quae [[vocis]] '''conformatione''' ac [[varietate]] moderanda est'' - che deve essere regolata in base al [[tono]] e alla [[variazione]] della [[voce]] {{Term|[[:w:Marco Tullio Cicerone|Cicerone]], [[:w:De oratore|De oratore]], [[:s:la:De_oratore/Liber_I|liber I, V, 18]]}}
# {{Term|linguistica|la}} [[figura retorica]], [[costruzione]] [[sintattica]], [[stile]] [[oratorio]]
#* ''et vero nullus fere ab eo [[locus]] sine quadam '''conformatione''' [[sententiae]] dicitur'' - e in realtà non vi è quasi nessun [[brano]] che è pronunciato da lui senza una qualche [[figura retorica]] {{Term|[[:w:Marco Tullio Cicerone|Cicerone]], [[:w:Orator|Orator]], [[:s:la:Orator|XXXIX, 136]]}}
 
{{-sill-}}
38 400

contributi