bandiera italiana ItalianoModifica

 Sostantivo

calzare m sing (pl.: calzari)

  1. (abbigliamento) leggera calzatura, di origine antica, costituite da una suola in cuoio e da una serie di lacci in pelle attorcigliati e annodati attorno al polpaccio sia a scopo di sostegno sia a scopo estetico.
  2. (abbigliamento) nell'abbigliamento liturgico, tipo di calza che arriva fino al ginocchio, adoperati nelle messe pontificali dai cardinali, vescovi, abati e dai prelati che ne hanno il privilegio. Non si portano nelle messe funebri, e il Venerdì Santo.Sono di tutti i colori liturgici, eccetto il nero, e non possono essere portate nel venerdì santo o durante cerimonie funebri
  3. (abbigliamento) una sorta di spessa calza in neoprene utilizzata per proteggere il piede dal freddo durante le immersioni subacquee

 Verbo

TransitivoModifica

calzare (vai alla coniugazione)

  1. indossare calzature e indumenti in genere che si infilano ai piedi o alle gambe (scarpe, calze, pantaloni ecc.), in modo adattarsi e aderire bene a quella parte del corpo.
  2. (senso figurato) (di esempio, discorso) essere perfetto

  SillabazioneModifica

cal | zà | re

  PronunciaModifica

IPA: /kalˈtsare/

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal latino calceare, infinito presente attivo di calceo, cioè appunto "calzare", "indossare" (detto di scarpe), a sua volta da calceus, "scarpa", derivato di calx, "piede, tallone"

  SinonimiModifica

   ContrariModifica

  Parole derivateModifica

  Proverbi e modi di direModifica

  • calzare a pennello: andare benissimo

  Traduzione

infilare scarpe, guanti
portare ai piedi
  • Dizionario Italiano Olivetti, Olivetti Media Communication edizione on line
  • Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Il Sabatini Coletti, RCS Libri edizione on line
  • Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Il Sabatini Coletti, RCS Libri edizione on line
  • Sinonimi e contrari, RCS Libri edizione on line
  • Ch. de Linos, Anciens vetements sacerdotaux et ancien, tissus, Parigi 1877, p. 55 sg.; J. Braun : Die liturg. Gewandung, Friburgo in Br. 1907, pp. 394-424.
  • Ottorino Pianigiani, dizionario etimologico ospitato su "www.etimo.it"