SPQRomani.svg LatinoModifica

 Verbo

TransitivoModifica

jacio (vai alla coniugazione) terza coniugazione in -io (paradigma: jaciō, jacis, jēci, jactum, jacĕre)

  1. variante ortografica medievale o rinascimentale di iacio

  SillabazioneModifica

ja | cĭ | ō

  PronunciaModifica

  • (pronuncia classica) IPA: /ˈja.ki.oː/
  • (pronuncia ecclesiastica) IPA: /ˈja.ʧi.o/

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal proto-italico *jakjō, "gettare, gettare a terra" (da cui anche iaceo, "stendersi a terra" e quinti "giacere"); a sua volta dal proto-indoeuropeo *(H)yeh₁-, "gettare, lanciare", da cui discende anche il greco antico ἵημι, "lanciare, lasciar andare"; la grafia ja per il dittongo "ia" divenne comune in epoca medievale, e si mantenne per tutto il rinascimento fino a circa il XIX secolo

  Parole derivateModifica