Flag of the People's Republic of China.svg CineseModifica

 
Ordine dei tratti (animazione)

  HanziModifica

(vai ai composti)

Hanzi; 7 tratti, radicale 62 ()+7

Pronuncia (pinyin): wǒ

Significato (come carattere):

  1. io

 Etimologia / DerivazioneModifica

Il carattere rappresenta una mano (carattere a sinistra, ) che stringe una lancia (, a destra). In origine il carattere era pronunciato ŋɑ ed rappresentava una lunga ascia con spuntoni affilati, una volta molto diffusa nell'antica Cina, usata nella schiavitù e come arma di guerra, anche se col tempo divenne superata da altre armi.

Nel Cinese Classico (2° secolo A.C. circa) il carattere ha cominciato ad essere usato come pronome in prima persona, passando da significare un "io" bellicoso, di un guerriero che usa questa ascia (significato originale) per difendere sé stesso, per poi diventare un "io" di un guerriero molto forte e sicuro al servizio del suo signore, che lentamente prese il sopravvento sull'antico pronome personale, (, io, me).

In precedenza, wú venne usato come metafora della connessione della bocca (radicale presente nella parte inferiore del hanzi,口) di una persona e il numero 5 (, gli elementi, il cielo, la terra, l'acqua, il fuoco e lo spazio) per indicare una connessione spirituale con un dio attraverso gli elementi che fungono da legame, un pronome che riflette i periodi di pace prima dei regni sanguinosi.

Questo cambiamento culturale, portò alla transizione al pronome wǒ.

Forma anticaModifica

 
La forma originale del carattere 我.

  PronunciaModifica

IPA: [ɰᵝɔ]

Ascolta la pronuncia :

 Pronome

  1. (Pronome personale in prima persona) Io, me, a me, mi

  Termini correlatiModifica

Pronomi Personali Cinesi:Modifica

Sing. Plur.
1a pers. (wǒ) 我們/我们 (wǒmen)
1a pers. 咱們/咱们 (zánmen)
2a pers. (nǐ) 你們/你们 (nǐmen)
2a pers. (nín)
n.e.
3a pers. (m.) (tā) 他們/他们 (tāmen)
3a pers. (f.) (tā) 她們/她们 (tāmen)
3a pers. (neutro) (tā) 它們/它们 (tāmen)

  Parole derivateModifica

Da non confondere conModifica

Flag of Japan.svg GiapponeseModifica

  KanjiModifica

(vai ai composti)

Kanji base (Kyōiku kanji) di grado 6; 7 tratti, radicale 62 ()+7

Significato (come carattere):

  1. , ego, sé stesso, io, me

 Etimologia / DerivazioneModifica

Dalla lettura On'yomi del carattere cinese classico, pronome n-ga (Io), come uno dei caratteri usato per rappresentare il suono が (ga) nel Man'yōgana .

Dal periodo Heian divenne uno dei caratteri, insieme a 吾, per rappresentare il pronome personale e われ, e anche se oggi i caratteri sono equivalenti, si ritiene che i caratteri avessero un tempo letture diverse.

我 rappresentava presumibilmente わ, pronome in prima persona plurale e occasionalmente riflessivo (come 自分), mentre rappresentava , pronome in prima persona sempre singolare.

Quest'ultima forma caddè in disuso alla fine del periodo Heian, quando rimase solo la forma あが (forma ancora più letteraria e ormai obsoleta di 我が, waga).


Questo carattere è oggi poco usato e non comune, se non nella forma composta 我が (Il mio, il nostro, ecc) oppure nella forma plurale(我々我等) e ambiti formali, nonché dialettali o regionali.

Questo carattere è uno dei due caratteri cinesi usati per rappresentare il pronome personale われ, l'altro, , è molto più letterario e arcaico, anche se oggi non variano in pronuncia.

  PronunciaModifica

IPA: [ɰᵝa̠ɾe̞], [ɰᵝa̠]

Kanji in questo lemma
われ
Grado: 6
kun'yomi

 Pronome

Possibilmente dal pronome proto-giapponese 我 (わ, wa; io, noi) con il suffisso nominativo れ, o con la forma verbale continuativa (Giapponese letterario, equivalente a un presente o congiuntivo) del verbo 生れ (are, vivere, nato) o 在れ .

Seppur un pronome tradizionale in Giappone, il cui uso è stato massiccio ed già documentato la prima volta nella man'yō'shū, tuttavia cadde in disuso nel periodo Edo quando 私 si diffuse. Oggi molto presente in ambiti di letteratura o canzoni classiche.

  1. (Pronome in prima persona, tradizionale, formale), io, me stesso.
  2. Kanji in questo lemma

    Grado: 6
    kun'yomi
    (Pronome in seconda persona,dialettale) tu.
    • 「我は打死せんと思ふなり。」(ɰɑ̯ɾe ɰa ut͡ɕid͡ʑiseŋ to omoɸɯnaɾi) "Io ho intenzione di morire in battaglia."

 Pronome

Dal proto-giapponese wàn(u) (わ、吾, io, me)

  1. (Pronome in prima persona singolare e plurale, obsoleto) Io, me stesso, noi.
    Kanji in questo lemma

    Grado: 6
    kun'yomi

 Pronome


Dal Proto-Giapponese あ (吾, io, me), come scrittura alternativa di 吾.

  1. (Pronome in prima persona singolare , obsoleto) Io, me.
Kanji in questo lemma
あれ
Grado: 6
kun'yomi

 Pronome

Dal Proto-Giapponese あれ An-re (吾, io, me), come scrittura alternativa di .

  1. (Pronome in prima persona singolare , obsoleto) Io, me.

 Pronome possessivo

Kanji in questo lemma
わが
Grado: 6
kun'yomi

Pronome possessivo derivato dall'unione del pronome personale antico (我、Io, noi) con il suffisso , che fungeva la stessa funzione della particella の o indicatore del soggetto come nel Giapponese moderno, tale utilizzo è presente nella Man'yōshū.

Tuttavia, oggi solo la forma possessiva rimane e il suo uso è molto formale e restrittivo, molte volte impiegato nei discorsi e formalità in quanto è un'espressione all'antica.

Nella scrittura, la particella が di questo composto può essere scritta separatamente (我 o 我が)anche se facoltativa, tuttavia entrambe le versioni sono corrette e non cambia il significato, seppur la versione con la particella separata è preferita per avere maggior comprensibilità nella frase.

Indica la possessione di qualcosa con visione favorevole e fierezza verso esso, anche se può solo essere usato con sostantivi specifici in quanto espressione letteraria e fossilizzata.

  1. (Pronome possessivo singolare e plurale in prima persona, fossilizzata e alla vecchia maniera) Il mio/ Il nostro X.
    • 「我が国」(Wa-ga Kuni) (Il nostro paese)
    • 「我が社」(Wa-ga Sha) (La mia compagnia)
    • 「我が子」(Wa-ga Ko) (Mio figlio)
  2. (Pronome in prima persona nominativo, obsoleto) Io.
  3. (Pronome in prima persona plurale nominativo, obsoleto) Noi.

 Sostantivo

Kanji in questo lemma

Grado: 6
on'yomi

(hiragana , romaji ga)

  1. Ego

CompostiModifica