Apri il menu principale

bandiera italiana ItalianoModifica

 Aggettivo

altro (aggettivo indefinito)

   singolare   plurale 
 maschile    altro    altri 
 femminile    altra    altre 
  1. differente, diverso
    • Anche se hanno altre tradizioni, rispettali allo stesso modo
  2. restante (preceduto da articolo determinativo)
    • Ehi,in questa spiaggia siamo rimasti solo in tre: dove sono tutti gli altri bagnanti?
  3. ulteriore
    • Prese ancora un altro piatto.
  4. scorso (preceduto da articolo determinativo)
    • L'altro giorno ti ho vista ridere.
  5. prossimo (preceduto da articolo indeterminativo)
    • Sarà per un'altra volta.
  6. (correlato con uno) entrambi (pleonastico, preceduto da articolo determinativo, il verbo si può coniugare al plurale o al singolare a scelta.)
    • L'una e l'altra cosa sono pericolose o L'una o l'altra cosa è pericolosa

 Pronome

altro (pronome indefinito)

  1. un'altra persona o cosa
    • Visto che tu non vuoi, troverò un altro.
  2. i restanti
    • La stampa non ha riportato la ragione per cui l'assassino ha ucciso cinquanta persone delle sessanta presenti ma ha risparmiato gli altri.
  3. uno ulteriore
    • Posso prenderne un'altra?
  4. (correlato con uno) alcuno
    • Ho visto Riccardo e Samantha, uno lo conosci, l'altra no.

 Sostantivo

altro

  1. un'altra cosa
    • Vuole altro?

altro

Suffisso

altro

  1. rafforza l'aggettivo personale o il pronome personale (solo con noi o voi, si scrive attaccato alla parola, può significare un allontanamento figurato del soggetto dal concetto)
    • Cosa volete da me, voialtri barbari? (sottintende da me che barbaro non sono)

  SillabazioneModifica

àl | tro

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal latino alter

CitazioneModifica

 
«Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!». Ma l'altro lo rimproverava: «Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso». »
(Vangelo secondo Luca 23,39-43, testo CEI 2008)
 
«Il male mette radici quando un uomo comincia a pensare di essere migliore di un altro »
 
«L'uomo che pratica una sola classe sociale, è come lo studioso che non legge altro che un libro »
 
«“L'altro uomo è a noi un'immagine di come siamo noi; se io, anche nel silenzio e nella solitudine della mente, rispetto l'immagine di un uomo, affermo in quel momento stesso la mia dignità di uomo, rendo omaggio all'essere spirituale in lui e in me. Chi non rispetta un altro, in realtà non rispetta nemmeno se stesso.„
»

  SinonimiModifica

  Parole derivateModifica

  Termini correlatiModifica

  Proverbi e modi di direModifica

  • altro da sé: indica lo studio dell'altro, in genere essere umano, e spesso la volontà di rispettare
  • [ma] è un altro/a!: nei riguardi di una persona specifica, oggetto di un discorso, indica un suo importante o radicale cambiamento, in meglio o in peggio

  Traduzione

  • Nicola Zingarelli, Lo Zingarelli 1922: vocabolario della lingua italiana, Zanichelli editore, pagina 48
  • Aldo Gabrielli, Vocabolario della Lingua Italiana, Hoepli edizione on line