bandiera italiana ItalianoModifica

 Verbo

TransitivoModifica

finire (vai alla coniugazione)

  1. portare a compimento
  2. (gergale) (senso figurato) dare il colpo di grazia; togliere la vita

  SillabazioneModifica

fi | nì | re

  PronunciaModifica

IPA: /fiˈnire//

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal latino fīnīre( derivazione di finis cioè "limite, cessazione") che significa "limitare, cessare"

CitazioneModifica

 
«Ciò che diciamo principio spesso è la fine, e finire è cominciare. La fine è là onde partiamo »

  SinonimiModifica

   ContrariModifica

  Parole derivateModifica

  Proverbi e modi di direModifica

  • finire sul lastrico: cadere in povertà
  • finire in una bolla di sapone
  • a non finire: a volontà
  • [allora] è finita: quando qualcuno scopre qualcosa oppure quando sta per capitare qualcosa di terribile. Nello sport o nel lavoro indica una sconfitta. Altrimenti riguarda la morte avvenuta di qualcuno. Potrebbe altresì riferirsi ad una guarigione o ad un miglioramento nella salute in genere. In questo caso il significato letterale è assai raro, per esempio nel compimento di una particolare conoscenza o scienza

  Traduzione