bandiera italiana ItalianoModifica

 Aggettivo

proprio m sing

   singolare   plurale 
 maschile    proprio    propri 
 femminile    propria    proprie 
  1. che ha valore reale, veridico
    • il movimento rappresenta un vero e proprio farmaco per il paziente iperteso e per questo deve essere fatto possibilmente tutti i giorni della settimana
  2. (matematica) (di) frazione dove il numeratore è più piccolo del denominatore

 Avverbio

proprio

  1. che rinforza il valore dell'idea espressa:
    • Anna è proprio bella

 Interiezione

proprio

  1. (gergale) quando detto senza altro, è termine che esprime conferma o disappunto
    • "Giovannina, ricordati che sono tuo padre!" ... "Eh, proprio"

 Pronome

proprio

  1. si usa solo in riferimento al soggetto

 Sostantivo

proprio m sing (pl.: propri)

  1. oggetto o cosa posseduto/a da un individuo:
    • a ciascuno il proprio

  SillabazioneModifica

prò | prio

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal latino proprius

CitazioneModifica

 
«C'è forse qualcosa di cui si possa dire:«Guarda, questa è una novità»? Proprio questa è già stata nei secoli che ci hanno preceduto. »

  SinonimiModifica

   ContrariModifica

  Parole derivateModifica

  Termini correlatiModifica

  Proverbi e modi di direModifica

  • [mettersi] in proprio: in genere dopo un impiego come "subalterno", significa appunto aprire un'attività o operare professionalmente gestendo quindi ora come principale
  • amor proprio: orgoglio
  • ...proprio così!: "ad onor del vero"; esprime un'amichevole conferma di verità
  • sentire qualcosa (un lavoro, una passione, una patria, ecc) come proprio: esservi legato in modo intrinseco, per natura o sentimento

  Traduzione

avverbio che rinforza il valore dell'idea espressa
Vedi le traduzioni
  • Aldo Gabrielli, Vocabolario della Lingua Italiana, Hoepli edizione on line
  • Sinonimi e contrari, RCS Libri edizione on line
  • Vocabolario, Treccani edizione online
  • AA.VV., Dizionario Sinonimi e contrari, Mariotti, 2006, pagina 433
  • AA.VV., Sinonimi e contrari, Garzanti, 2009, pagina 582