bandiera italiana ItalianoModifica

 Voce verbale

placo

  1. prima persona singolare dell'indicativo presente di placare

 Etimologia / DerivazioneModifica

vedi placare

  Traduzione

Vedi le traduzioni

SPQRomani.svg LatinoModifica

 Verbo

TransitivoModifica

placo (vai alla coniugazione) prima coniugazione (paradigma: plācō, plācās, plācāvī, plācātum, plācāre)

  1. placare, calmare, pacificare
  2. riappacificare, riconciliare, rendere amico, fare andare d'accordo
  3. (detto solitamente degli dei) propiziare, rendere propizio, benevolo (con riti o sacrifici), venerare

  SillabazioneModifica

plā | cō

  PronunciaModifica

  • (pronuncia classica) IPA: /ˈplaː.koː/
  • (pronuncia ecclesiastica) IPA: /ˈpla.ko/

 Etimologia / DerivazioneModifica

probabilmente correlato al verbo placeo, ma l'etimologia esatta, di entrambi, è dubbia e discussa. Forse discendente dalla radice indoeuropea *pleh₂-, "piatto, liscio" (come il mare quando è calmo), oppure da *pl(e)Hk-, "piacevolezza, permesso". Un'altra possibilità è che derivi dalla radice *preḱ-, "chiedere", e in questo caso sarebbe imparentato con il verbo precor, "pregare"

  SinonimiModifica

  Parole derivateModifica

discendenti in altre lingue

  Termini correlatiModifica