bandiera italiana ItalianoModifica

 Sostantivo

fortuna (  approfondimento) f sing (pl.: fortune)

  1. destino o sorte alterna
  2. (araldica) figura araldica convenzionale che rappresenta la dea Fortuna generalmente con un velo al vento, in piedi su una ruota di carro o su un globo
  3. (familiare) in tono sarcastico indica che in realtà si sta sopportando una situazione un po' "forzata"

  SillabazioneModifica

for | tù | na

  PronunciaModifica

IPA: /for'tuna/

 Etimologia / DerivazioneModifica

dal latino fortūna, derivazione di fors ossia "caso, sorte"

CitazioneModifica

 
«Con la virtù per guida, la fortuna per compagna »

  SinonimiModifica

  Parole derivateModifica

   ContrariModifica

  AlteratiModifica

  Proverbi e modi di direModifica

  • avere la fortuna di...
  • portar fortuna: essere di buon auspicio
  • la fortuna aiuta gli audaci

  Traduzione

SPQRomani.svg LatinoModifica

Prima declinazione
  singolare plurale
nominativo fortūnă fortūnae
genitivo fortūnae fortūnārŭm
dativo fortūnae fortūnīs
accusativo fortūnăm fortūnās
vocativo fortūnă fortūnae
ablativo fortūnā fortūnīs

 Sostantivo

fortuna f sing, prima declinazione (genitivo: fortunae)

  1. fortuna, sorte, fato, caso (propizia o avversa)
  2. evento, vicissitudine, avvenimento (casuale o imprevisto)
  3. (al plurale) averi, interessi, proprietà

  SillabazioneModifica

fŏr | tū | nă

  PronunciaModifica

  • (pronuncia classica) IPA: /forˈtuː.na/
  • (pronuncia ecclesiastica) IPA: /forˈtu.na/

Ascolta la pronuncia (pronuncia classica) :

 Etimologia / DerivazioneModifica

da fors, "sorte, caso"; nella Roma classica personalizzata come divinità, appunto la Dea Fortuna, che come la Ananke greca sovrintendeva al caso

  Uso / PrecisazioniModifica

in latino, e per tutta l'era medievale fino all'epoca moderna, il termine si riferiva genericamente al "caso", e pertando, a seconda del contesto, poteva indicare una sorte avversa o propizia (ovvero indicare sia ciò che in italiano si definisce tanto "fortuna" quanto "sfortuna"). Virgilio, ad esempio, nel V libro dell'Eneide scrive superanda omnis fortuna ferendo est (v. 710), ovvero "sopportando, si supera ogni sfortuna", e nel libro VII speravimus ista, dum fortuna fuit (vv. 42-43), traducibile come "speravamo in ciò, e la fortuna giunse"

  SinonimiModifica

  Parole derivateModifica

discendenti in altre lingue

  Termini correlatiModifica

Altri progettiModifica